Con alcuni colleghi ho presentato una mozione in tema di identificazione dei migranti che hanno perso la vita in mare, molti dei quali (più del 60%) restano senza nome.

La necessità di dare un’identità certa ai migranti morti o dispersi nel Mediterraneo è una sfida essenziale sia per tutelare un imprescindibile diritto soggettivo, sia per impedire l’uso di identità e di documenti di persone annegate da parte di altre persone, magari con finalità criminali e terroristiche.

La mozione impegna il Governo ad operare in ottica inter-istituzionale per potenziare la raccolta dati e favorire l’identificazione dei corpi senza nome dei migranti nel Mediterraneo e a valutare iniziative di riforma e potenziamento del Commissario Straordinario per le persone scomparse sia sul piano ordinamentale che finanziario.

Qui trovate il testo della mozione.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>